“Un eroe giapponese”

Una poesia in onore di un cittadino di Fukushima, Naoto Matsumura. Amante degli animali, fino alla morte

un eroe giapponese

(versi scritti leggendo un articolo di cronaca del gennaio del 2012)

naoto matsumura ha disobbedito.
il giorno della fuga da fukushima,
quando tutti sono scappati,
naoto non ha potuto,
non poteva andarsene.
non poteva lasciare
gli animali randagi,
quelli non previsti
dal piano nazionale
dell’organizzazione.

 

naoto
non ha voluto lasciare
il suo futuro cimitero
che era anche quello
degli animali.
ora piange,
sa che morirà,
ma continua a nutrire
i randagi, dopo che ha
visto morire una mucca
con il suo vitellino
che erano stati abbandonati.
nella sua città fantasma,
senza elettricità.
il suo corpo
è ormai contaminato.
ma vuole morire
lo stesso dove è nato,
per non abbandonare
i suoi animali dimenticati.
 

Vedi Fukushima, sfida le radiazioni e si prende cura degli animali abbandonati.

Le immagini: particolare di Torri in blu e rosso (olio e acrilico) di Angela Crucitti, per gentile concessione dell’autrice (per ammirare altre opere di questa notevole artista, si può navigare nel suo sito personale: www.angelacrucitti.com) e foto © Reuters/Tokyo Electric Power.

Guido Monte

(LucidaMente, anno VII, n. 74, febbraio 2012)

Print Friendly
Tag:, , , ,
  • Share this post:
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • Digg

3 Comments