Il mito F.B Mondial

Un’autentica miniera di scoop e di materiali documentari di prima mano e quasi tutti inediti sono racchiusi nel secondo volume (“F.B Mondial. La storia vera e inedita 1952-1954”) edito da Il Fiorino di una trilogia dedicata da Nunzia Manicardi al glorioso marchio motociclistico. Presentazione il 15 novembre a Bologna

Dopo gli ampi consensi raccolti con la pubblicazione della sua prima opera – La prodigiosa Mondial di Drusiani 1948-1952 – Nunzia Manicardi torna a omaggiare il prestigioso marchio motociclistico F.B Mondial. Il libro è il secondo di una trilogia – che terminerà con un terzo volume – scritta sulla storia delle moto dei Fratelli Boselli (da qui l’acronimo F.B): esso (F.B Mondial. La storia vera e inedita 1952-1954, Prefazione di Enrico Ruffini, Il Fiorino, pp. 336, € 20,00), come già il precedente, risulta fondamentale per conoscere la storia del glorioso marchio italiano che dal 1948 al 1957 dominò quasi ininterrottamente la classe 125 a livello mondiale. Ed è un’autentica miniera di scoop e di materiali documentari di prima mano e quasi tutti inediti.

L’opera è il frutto di lunghe indagini e approfondite riflessioni condotte dall’autrice con l’aiuto dei testimoni di un tempo. Non a caso la prefazione – scritta dal grande storico dei motori Enrico Ruffini – riporta l’unica intervista inedita rilasciata nel 1982 da Giuseppe Boselli, contitolare del marchio. Sottolinea Ruffini: «A Nunzia Manicardi devono molta riconoscenza gli studiosi del nostro passato motociclistico. Ci volevano il suo acume e la sua ferma volontà per far luce su tanti episodi, per acquisire prove indiscutibili e testimonianze dirette». Viene inoltre illustrata una straordinaria raccolta di fotografie e documenti inediti, fra gli altri, su Sandro Artusi, Alfonso Drusiani, Tarquinio Provini, Fabio Taglioni, Remo Venturi. L’aspetto più curioso trattato nell’opera riguarda Fabio Taglioni, ingegnere della F.B Mondial dal 1953 al 1954: con l’ausilio di disegni tecnici ricostruiti da Giovanni Ridenti – pilota Mondial e testimone oculare – la Manicardi è riuscita a dimostrare le migliorie apportate grazie al suo ingegno. Il libro riporta inoltre parte della tesi di laurea dello stesso Taglioni, rimasta finora inedita: il lettore rimarrà stupito nel vedere che il tema riguarda l’automobilismo e non il motociclismo.

Il libro è corredato da altri scoop. Uno riguarda la pubblicazione della fotografia inedita del sistema di distribuzione della Mondial Desmo che, grazie alle ricerche accurate dell’autrice, è stato possibile retrodatare al 1954. Un’altra curiosità concerne il chiarimento dei rapporti tra Mondial Desmo e Desmo Ducati di Taglioni, sui quali fino a ora c’era ancora parecchia confusione. Uno degli ulteriori – e numerati dall’autrice – scoop interessa i rapporti di parentela di Taglioni con un famosissimo personaggio della storia italiana. Chi leggerà il libro scoprirà di chi si tratta…

Il volume sarà presentato a Bologna giovedì 15 novembre, alle ore 17,30, presso il Museo del patrimonio industriale, via della Beverara 123. Insieme con l’autrice interverranno Enrico Ruffini, Augusto Farneti e Benito Battilani.

L’immagine: la copertina di F.B Mondial. La storia vera e inedita 1952-1954 di Nunzia Manicardi.

Emanuela Susmel

(LucidaMente, anno VII, n. 83, novembre 2012)

Print Friendly