Il dio di cui aver paura

Paolo Bancale, direttore di “NonCredo”, delinea i rischi dei dogmi intolleranti e i pregi del dubbio e della libertà

Il seguente testo è estratto dagli archivi di NonCredo. La cultura della ragione, «volume bimestrale di cultura laica». Abbonandosi a NonCredo, in un anno si possono ricevere a casa propria 600 pagine, con oltre 300 articoli come questo, ma inediti. Il costo? Meno di un caffè al mese: formato pdf 17,00 euro; formato cartaceo 29,90 euro: http://www.noncredo.it/abbonamenti.html.

Chi pensa a un dio, quale che sia, perché in questo modo si è tolto l’ansia di dover capire ciò che non è ovvio né manifesto nella nostra vita, nel pianeta e nel cosmo, e non ha neanche la voglia di andarsi a cercare qualche straccio di risposta o di dubbio, se lo fa, fa bene, è il rimedio per lui, gli si confà. Un dio fine a se stesso, senza dottrine, rivelazioni o apparati, è un’innocente superstizione, un amuleto, una banale scommessa.

0-NonCredoBen diverso è lo scaltro sfruttamento di un dio per avallare narrazioni e dottrine, rivelazioni e caste ecclesiali e sacerdotali autoarrogantisi potere, magia e assoggettamento di popoli. Questa frode che si chiama “religione” va combattuta con tutti i mezzi: il male che queste aggregazioni di preti o similari hanno prodotto nella storia umana gronda sangue e dolore, oppressioni e privilegi. La religione non è assimilabile a un’ideologia politica che si fonda sul tipo di società in cui un individuo si augura lecitamente di vivere; la religione si fonda invece sul tipo di società in cui un branco di spregiudicati e fanatici “religiosi” pretendono di farti vivere sotto il loro potere, in modo ossequiente alle loro farse e illusioni.

0-NON CREDO.REPUBBLICAEd è qui che entra in scena il ruolo sociale e culturale di NonCredo: mettere in guardia il cittadino e dirgli che il vero mondo ideale è quello costruito su etica e libertà, che fare del bene non è monopolio delle confraternite religiose che grondano ricchezze, terreni e palazzi, ma di chiunque coltivi dentro di sé il germe dell’amore gratuito senza contropartite, e sono tantissimi tra loro i noncredenti ovunque nel mondo quanto sconosciuti. E anche la scepsi spasmodicamente antidogmatica di NonCredo ha concorso alla formazione del clima di libertà di pensiero e autonomia di coscienza atto a sottrarre quei cittadini, che in NonCredo cercano e trovano una aggregazione identitaria, al vassallaggio di una qualsiasi influenza variamente confessionale o ideologica capace di limitare o condizionare legislazioni, pensiero scientifico, diritti civili ed evoluzione del senso comune. «Libertà vo’ cercando…», e così anche NonCredo, che ne è un vessillifero.

0-paoloBancale[1]Pensiero critico e autonomo, esortazione al dubbio sistematico, grande enfasi sui valori etici, restando statutariamente ben al di fuori delle velleità di una religione quasi di Stato e anche di tutte le tante altre cosiddette “tollerate”. Anzi, al riguardo, NonCredo sposa il pensiero di Francesco Ruffini, che un secolo fa scriveva sulla libertà religiosa in generale: «Lo Stato moderno non deve più conoscere tolleranza ma solamente libertà, poiché la tolleranza suona graziosa concessione dello Stato al cittadino, mentre libertà significa diritto del cittadino verso lo Stato».

Le immagini: copertine di NonCredo; un’inserzione pubblicitaria di NonCredo apparsa su la Repubblica; Paolo Bancale.

Paolo Bancale – direttore responsabile del «volume bimestrale di cultura laica» NonCredo. La cultura della ragione (dall’archivio della rivista) 

NON CREDO BANCALEPer saperne di più sul bimestrale NonCredo e sulla Fondazione Religions free, editrice della rivista. Siti: www.noncredo.it; www.religionsfree.org. Telefono: (+39)366-5018912. Fax: 0766-030470. Indirizzi e-mail: fondazione, info@religionsfree.org; rivista, noncredo@religionsfree.org. Abbonamenti alla rivista (€ 29,90 per sei numeri, conto corrente postale 97497390; IBAN IT34M0832739040000000007000): www.noncredo.it/abbonamenti.html; abbonamenti@religionsfree.org.

(LucidaMente, anno VIII, n. 87, marzo 2013)

Print Friendly
Tag:, , , , , ,
  • Share this post:
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • Digg

5 Comments

  • Caro Paolo Bancale, da diversamente credente quale mi considero, sposo in pieno l’opera e l’azione di NonCredo, nella convinzione che tutte le Religioni, così come storicamente si sono manifestate, siano state strumenti di potere, di oppressione, sopraffazione, di esclusione, morte, tortura e, da ultimo, ma per me di primaria importanza, potenti strumenti atti ad impedire il crescere e lo sbocciare di una vera e profonda religiosità volta a cogliere nel profondo di ogni essere umano il Legame intimo e inscindibile con il Tutto dentro e fuori di noi. Legame che disvela l’Eterno Amore a cui aspiriamo, spesso inconsapevoli e disperati, e che penso sia alla base di quell’Amore gratuito che solo è vero Amore. Amore che trova da sempre in quello materno un suo, seppur minimo, concreto esempio, per cui una vecchia canzone diceva: “son tutte belle le mamme del mondo..che custodiscono un bene profondo, il più sincero dell’umanità”

  • Great! Great!! Great!!!
    Finalmente qualcuno che tratta i noncredenti come persone pensanti, degne di ascolto e di fondamentale importanza per costruire la società laica di cui sentono la mancanza anche moltissimi credenti veri (e non di facciata)!

  • Caro Paolo,
    sono molto contento di trovare il tuo editoriale su LucidaMente!
    Anche se sarà un’azione di lunga lena, alla fine riusciremo a far capire a tutti il ruolo dei noncredenti nella costruzione di una società aconfessionale. Anche in considerazione del fatto che insieme a noi lo chiedono molti credenti veri e non di facciata!

    Andrea Cattania

  • questa è bella, dopo i diversamente abili, i diversamente orientati, i diversamente intelligenti…ora, anche i diversamente credenti!

    l’imbecillità del politicamente corretto è senza fondo!!!