ATTACCO FRONTALE, CITAZIONI, DAI LETTORI|15 maggio 2013 20:49

Paritá, paritá, quanta strada devi fare!

Quando una vendita promozionale denota la nostra arretratezza culturale sul rapporto uomo-donna: l’intervento di una nostra lettrice

Mattina. Sto facendo zapping a tempo perso. All’improvviso incappo in un canale di televendite promozionali. Uno di quelli che solitamente salto a pie’ pari. Ma non so perché, per una volta mi fermo lì. Forse si era semplicemente inceppato il telecomando… non lo so/non ricordo. Comunque, ecco che arriva la telepromozione.

702-femminismo2au0[1]Il prodotto in vendita è uno dei tanti, di quelli che cercano sempre di spacciarti come superofferta dell’anno. Ma è l’omaggio legato alla promozione ad attirare la mia attenzione: «…se nei prossimi minuti – il tempo ovviamente è un optional, è chiaro che bisogna precipitarsi immediatamente al telefono! – ordinerai la merce in vendita, insieme ad essa arriveranno a casa tua due prodotti in omaggio! Uno per lei e uno per lui!». Par condicio? Non direi. Comunque, si continua: «Per lui è previsto un rasoio ultima generazione appositamente creato per una rasatura eccezionale». Wow! Gli uomini non staranno più nella pelle per la mega offerta! E per lei, invece?: «Un set di stoviglie di marca pregiata – leggi “made in China” – per la cucina».

Bene, ora prendetevi cinque secondi di riflessione, poi rileggete l’ultima frase. Ci siete? Ok, ripetiamo: per lei, un set di stoviglie per la cucina. Per lei? A me sembra un prodotto per la casa, non per lei! Insomma… ma dove sta scritto che è la donna a dover stare per forza in cucina? A riprova di quanto detto (forse sono io a essere nata in una famiglia non convenzionale, ma dubito), specifico che nel mio caso entrambi i prodotti sarebbero stati per mio padre: se lui è in casa, guai a chi si avvicina ai fornelli!

Irene Astorri

(LucidaMente, anno VIII, n. 89, maggio 2013)

Print Friendly
Tag:, , , , ,
  • Share this post:
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • Digg

6 Comments