Lo splendido dio di al-Ash’ari

Una ineffabile visione islamica della divinità, ben più affascinante e complessa di quella cristiana…

Il seguente testo è estratto dagli archivi di NonCredo. La cultura della ragione, «volume bimestrale di cultura laica». Abbonandosi a NonCredo, in un anno si possono ricevere a casa propria 600 pagine, con oltre 300 articoli come questo, ma inediti. Il costo? Meno di un caffè al mese: formato pdf 17,00 euro; formato cartaceo 29,90 euro: http://www.noncredo.it/abbonamenti.html.

Il grande teologo dell’Islam Abū al-Ḥasan ʿAlī ibn Ismāʿīl al-Ashʿarī, più noto in occidente come al-Ashʿarī (873-935 d.C.), così definisce il loro unico dio: «Dio non è né corpo né persona, né sostanza, né accidente; egli è al di là del tempo, non può abitare in un luogo o in un essere, non è oggetto di nessuno degli attributi o delle qualificazioni naturali, non è né condizionato né determinato, non genera né è generato, è al di là della percezione sensibile: gli occhi non lo vedono e lo sguardo non lo coglie, l’immaginazione non lo comprende ed egli è una cosa diversa da tutte le altre cose, è onnisciente e onnipotente ma la sua onniscienza e la sua onnipotenza non sono paragonabili a niente di creato».

2-islamLa tensione spirituale e mistica in questa visione dell’Altro confligge in modo plateale con l’antropomorfismo sia del Vecchio che del Nuovo Testamento, sia con Geova che ordina, gesticola, parla, si infuria, sia con il Gesù che fa altrettanto sotto lo sguardo della folla, come ci viene riproposto in migliaia di disegni, pitture, statue e oggetti di totemico culto. Quando si parla dei tre monoteismi li si accomuna, ma ciò rappresenta un’operazione velleitariamente superficiale poiché nell’ambito della tensione nobile e ineffabile del dio islamico, ignoto, aniconico, inesplorato, abiografico, come abbiamo letto, sarebbe assolutamente inconcepibile inserire e ammettere la presenza di un Paolo di Tarso che sentenzia, come ha fatto e viene ritenuto fondante (Prima lettera ai Corinzi), una visione materialistica, corporea, fisiologica, anatomica, biologica e biografica del suo dio: «Se Cristo non è resuscitato vana è la nostra predicazione e vana la nostra fede».

Per decenza intellettuale nel mondo dei credenti lo Spirito non dovrebbe mai essere accomunabile al sangue di san Gennaro, vale a dire alla mediocrità sciamanica e disarmantemente credula del concetto di “miracolo”. Se tutta una ipertrofica e debordante costruzione teologica quale quella cristiana, e ancor più maniacalmente dettagliata come quella cattolica, dovesse dipendere da un atto magico, per cui il sangue di san Gennaro o la resurrezione esprimono comunque la medesima tipologia di monstrum, miracolo, portento, prodigio, si può solo restare sconcertati da tanta ingenuità. Se il pensiero umano sente il bisogno di spiritualità, e ben venga, per elevarsi al di sopra del razionale piano del “reale,” può sempre attingere con dignità all’arte, all’ascesi, alla meditazione, o all’apofatismo del bel testo di al-Ash’ari riportato all’inizio. È pertanto da condividere il filosofo Martin Heidegger quando afferma: «Di per sé dio non ha bisogno di alcuna teologia».

Paolo Bancale – dall’archivio di NonCredo. La cultura della ragione, «volume bimestrale di cultura laica»

(LucidaMente, anno VIII, n. 90, giugno 2013)

NON CREDO BANCALEPer saperne di più sul bimestrale NonCredo e sulla Fondazione Religions free, editrice della rivista. Siti: www.noncredo.it; www.religionsfree.org. Telefono: (+39)366-5018912. Fax: 0766-030470. Indirizzi e-mail: fondazione, info@religionsfree.org; rivista, noncredo@religionsfree.org. Abbonamenti alla rivista (€ 29,90 per sei numeri, conto corrente postale 97497390; IBAN IT34M0832739040000000007000): www.noncredo.it/abbonamenti.html; abbonamenti@religionsfree.org.

Print Friendly
Tag:, , , , ,
  • Share this post:
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • Digg

2 Comments