L’affido dei minori in Europa (Strasburgo, 23 ottobre 2013)

Partendo da una ricerca di Vittorio Vezzetti, il Coordinamento interassociativo Colibrì affronterà, nel corso di un incontro presso il Parlamento europeo, lo spinoso tema della tutela dei bambini di coppie divorziate

Il prossimo 23 ottobre il Coordinamento interassociativo Colibrì farà tappa a Strasburgo con un incontro sul tema Affrontare la crisi della famiglia nel nome dei figli: prima indagine comparativa sull’affido dei minori in Europa (da una ricerca del pediatra Vittorio Vezzetti). L’evento si propone un triplice scopo: catalizzare le energie sensibili alla questione dell’affido materialmente condiviso, fare tesoro delle esperienze dei Paesi più progrediti e porre in evidenza le ripercussioni di tale problematica sul benessere psicofisico dei minori, rilevando quanto le diverse prassi rappresentino per loro differenti accessi a un equilibrio stabile e alla salute.

1-strasburgo-parlamento-europeoL’incontro, a carattere comparativo e seminariale, ha pure l’intento di focalizzare l’attenzione dei cittadini europei sugli studi, le ricerche mirate e l’analisi dello status quo condotti da esperti con elevati profili professionali. I relatori che prenderanno parte alla giornata saranno − oltre allo stesso Vezzetti −  politici, avvocati, giudici, mediatori familiari, pediatri e psicologi. Ognuno di loro approfondirà un aspetto riguardante l’affido materialmente condiviso, con particolare attenzione alla gestione della bigenitorialità correlata al divorzio, in diversi Paesi della Comunità europea quali Belgio, Francia, Germania, Grecia, Portogallo, Regno Unito, Spagna.

All’interno di un continente teoricamente unito, affrontare in maniera comparativa argomenti tanto delicati quanto importanti – come la salute psicofisica dei minori in situazioni di crisi familiare e la responsabilità dell’affido – rappresenta un notevole passo avanti nella costruzione di una sorta di regia collettiva, vagliando la possibilità di un coordinamento a livello europeo volto alla soluzione di questo genere di problemi. A Strasburgo saranno anche presentati inediti studi di settore, i quali inquadrano uno scenario sociale che cambia senza conoscere confini nazionali.

1-STRASBURGO-PARLAMENTO-EUROPEO 2Affrontare la crisi della famiglia nel nome dei figli sarà un importante momento di confronto tra operatori di settore e cittadini dell’Europa, incentrato sul valore dell’infanzia, sugli affetti, sui rapporti e sulla responsabilità dei singoli individui-genitori nella cura e nella crescita dei minori. Queste ultime rappresentano le sfide più difficili, soprattutto se nel nucleo familiare sopraggiungono crisi o spaccature; tuttavia, mantenere alta l’attenzione sul bene dei figli e sulla sacralità di un’infanzia serena, anche in situazioni di affido materialmente condiviso, deve essere la priorità di padri e madri, in un’ottica di “limitazione dei danni”. L’incontro di Strasburgo è una scelta di coscienza evoluta: esso vuole scuotere le nazioni dell’Unione europea che troppo spesso restano immobilizzate nella lentezza delle loro dinamiche interne in materia di politica familiare.

1-ColibrìIl convegno Affrontare la crisi della famiglia nel nome dei figli: prima indagine comparativa sull’affido dei minori in Europa si terrà il 23 ottobre 2013 a Strasburgo, presso il Parlamento europeo (Sala 3.1), dalle 14,00 alle 18,00. Per partecipare occorre registrarsi, inviando una e-mail all’indirizzo info@colibrì-italia.it con oggetto: Strasbourg-23/10. L’evento è aperto a tutti, fino a esaurimento posti.

Le immagini: la sede del Parlamento europeo, a Strasburgo; il logo del Coordinamento interassociativo Colibrì.

Maria Daniela Zavaroni

(LucidaMente, anno VIII, n. 94, ottobre 2013)

Print Friendly