(Chi non la pensa come me) è un «potenziale stupratore»

Non esistono parole adatte per definire la violenza mista a vittimismo e presunzione che trapela dalle parole – davvero intolleranti, malvage e “sessiste”– pronunciate domenica 2 febbraio, nel corso della trasmissione “Che tempo che fa, dalla presidente della Camera, Laura Boldrini (per un articolo satirico al riguardo, del nostro direttore Rino Tripodi, vedi: Una legge contro i «potenziali stupratori». Subito)

Querela Boldrini

(n.m.)

(LucidaMente, anno IX, n. 98, febbraio 2014)

Print Friendly