ARTE, EVENTI CULTURALI|5 aprile 2014 19:42

“Vogue”, le donne e l’arte dell’illustrazione (Cecina, fino al 18 maggio 2014)

Le più belle copertine della famosa rivista femminile sono in mostra presso la fondazione Hermann Geiger, in provincia di Livorno: non solo una celebrazione del periodico e della moda che cambia, ma anche una rassegna storica di un’intera epoca

Fino al 18 maggio 2014 sarà possibile visitare a Cecina (Livorno), presso la Fondazione culturale Hermann Geiger – in piazza Guerrazzi 32 –, la mostra Vogue. Donna e stile nell’arte dell’illustrazione, dedicata al periodico femminile più celebre al mondo. Curata da Alessandro Schiavetti, la rassegna ripercorre più di un secolo di storia americana attraverso sessantacinque copertine, scelte con una particolare attenzione alla produzione grafica fino agli anni Trenta e Quaranta del Novecento e impreziosite dai capolavori dei suoi più grandi artisti.

1-copertina Vogue PlankVogue rappresenta, negli Stati Uniti come in Europa, una sorta di cartina tornasole della moda, dell’eleganza e dello stile di un’epoca E questo fin dalla sua prima uscita, nel 1892. In più di centoventi anni di vita la rivista può vantare i contributi dei maggiori artisti tra disegnatori e fotografi, quali Georges Lepape, Helen Dryden, George Wolfe Plank ed Eduardo García Benito. Attraverso le sue pagine è anche possibile effettuare una vera e propria ricostruzione della storia delle immagini e della grafica di tutto il Novecento. Con un simile curriculum e avendo immortalato protagonisti e icone femminili del nostro tempo, il periodico Vogue si pone come un obiettivo puntato su costume e società, in continua evoluzione, del mondo occidentale.

La rassegna – realizzata dalla fondazione Geiger in collaborazione con gli archivi newyorkesi del più grande editore di Vogue e di altre famose riviste di stile come Vanity Fair e GQ, Condé Montrose Nast – sarà arricchita da videoproiezioni e gigantografie degli scatti che hanno segnato la storia del periodico e della fotografia in generale. Un simile viaggio figurativo attraverso le cover è significativo poiché queste caratterizzano fin da subito un magazine e possono decretarne la fortuna o l’insuccesso. Le copertine di Vogue sono senza dubbio esempi di fantasia e creatività, impreziosite, oggi, da un alone di eleganza e raffinatezza vintage e da un fascino intramontabile.

1-Logo VogueLa mostra Vogue. Donna e stile nell’arte dell’illustrazione, a ingresso gratuito, sarà visitabile fino a domenica 18 maggio 2014 presso la Sala delle esposizioni della fondazione culturale Hermann Geiger – in piazza Guerrazzi 32, a Cecina (Livorno) – e seguirà i seguenti orari: tutti i giorni dalle ore 16,00 alle 20,00. Per informazioni si può telefonare al numero 0586-635011, scrivere una e-mail all’indirizzo info@fondazionegeiger.org o consultare il sito web www.fondazionegeiger.org.

Le immagini: in apertura, copertina di Vogue US del 1° maggio 1928, illustrazione di Georges Lepape; copertina di Vogue US del 15 novembre 1917, illustrazione di George Wolfe Plank; il logo della mostra Vogue. Donna e stile nell’arte dell’illustrazione.

Maria Daniela Zavaroni

(LucidaMente, anno IX, n. 100, aprile 2014)

Print Friendly