CORSI E CONVEGNI, TEMATICHE CIVILI|1 settembre 2014 00:01

Il “welfare” di Achille Ardigò (Bologna, 10 settembre 2014)

A sei anni dalla scomparsa dello studioso, il Dipartimento di Sociologia dell’Alma Mater lo ricorda dedicandogli un seminario incentrato sul tema dello stato sociale e una sezione bibliotecaria

Il 10 settembre 2008 si spegneva a Bologna il sociologo Achille Ardigò. Sei anni dopo, proprio nel giorno della ricorrenza, il Dipartimento di Sociologia e Diritto dell’Economia della Facoltà di Scienze politiche dell’Alma Mater organizza il seminario Achille Ardigò e il welfare dei cittadini. L’incontro sarà un’occasione per commemorare la sua figura e dedicargli una sezione libraria.

17-logo uniboLa tavola rotonda si svolgerà presso l’Aula del dipartimento, situata in pieno centro a Bologna (strada Maggiore 45), mercoledì 10 settembre alle ore 16,00 e sarà presieduta dal professore Costantino Cipolla. Nel corso dell’evento vi saranno i saluti della famiglia di Ardigò – particolarmente attento agli aspetti socioeconomici della crisi degli stati di capitalismo avanzato e autore di numerosi saggi sul welfare state e sulla welfare society –, testimonianze, dibattiti e gli interventi dei docenti dell’Università di Bologna Ivo Colozzi e Pierpaolo Donati, oltre alla partecipazione di Mauro Moruzzi dell’associazione dedicata allo studioso scomparso, fondata il 16 maggio 2013. Ad Ardigò sarà inoltre intitolata la sezione di Sociologia della Biblioteca di dipartimento.

17-ArdigòArdigò era anche giornalista, politico e docente universitario. Nato a San Daniele del Friuli il 1° marzo 1921, morì il 10 settembre 2008 a Bologna, dove nel 1942 si era laureato in Lettere e Filosofia. Nel periodo 1944-1945 fu partigiano della Sesta Brigata Giacomo Matteotti e, negli stessi anni, redattore del quindicinale clandestino locale, cattolico e antifascista, La punta. Divenne giornalista professionista nel 1947. Attivista all’epoca di Giuseppe Dossetti e della Democrazia cristiana di Aldo Moro, negli anni Sessanta fu tra i fondatori della Facoltà di Scienze politiche sotto le Due Torri e ne fu preside dal 1970 al 1972, oltre che professore ordinario di Sociologia e manager della sanità bolognese per l’Istituto ortopedico Rizzoli.

Le immagini: Achille Ardigò e il logo dell’Università di Bologna.

Maria Daniela Zavaroni

(LucidaMente, anno IX, n. 105, settembre 2014)

Print Friendly