Il vortice vocale di Rocío Rico Romero

In uscita il 2 dicembre il disco della cantante e compositrice d’origine andalusa residente a Bologna: “Roca Básica” (Liquido Records)

Le rocce magmatiche (dette anche eruttive o ignee) sono quelle che si solidificano appunto dai magmi vulcanici. Tra queste – e non molti lo sapranno – si distinguono, per il loro contenuto di silice tra il 45% e il 52%, le rocce basiche, come i gabbri, molto scuri, o i basalti, durissimi, anch’essi dal colore scuro o verde.

rocio-rico-romero-roca-basica[1]È soprattutto questo tipo di rocce a formare la terra dell’Andalusia. Non abbiamo inteso farvi una lezioncina di geologia o geografia, ma semplicemente spiegarvi perché il disco di Rocío Rico Romero, cantante e compositrice nata a Huelva in Andalusia, tra Oceano Atlantico e Portogallo, e residente a Bologna, si intitoli appunto Roca Básica (in uscita il 2 dicembre 2014 per Liquido Records). Un richiamo al fuoco, alla terra, alle viscere e alla visceralità. Che è come dire una delle caratteristiche della straordinaria voce dell’artista, la quale, peraltro, ha ampliato le proprie radici andaluse e quindi flamenche e latine attraverso un lungo e personale percorso di formazione lirica. Dagli insegnamenti del lama tibetano Geshè Norsang, capo cantore del monastero indiano di Gaden, a Igor Koshkendey, esperto in canto khoomei (il canto difonico mongolico).

Tali arricchimenti vocali e culturali si avvertono nel disco, dotandolo di peculiarità sorprendenti e insolite, con uno straordinario effetto di straniamento per il fruitore. Sono gli esiti di una voce affascinante, unica, calda e cristallina al tempo stesso, seducente e scontrosa, talvolta ipnotica come un mantra, che pervade tutti i nove brani del disco, accompagnata da raffinatissimi arrangiamenti, coi quali la cantante si intreccia alla perfezione. Nascono così atmosfere sospese, rarefatte, dilatate, fino a divenire metafisiche.

1-rocio2[1]La Rico Romero alterna coniugazioni più “facili” e orecchiabili (Soplo de nube) ad “arie” raffinatissime e “aristocratiche” (Por el parque dela Luna), grazie alle quali la vocalità si indirizza verso diramazioni inaspettate. Si senta, come esempio di uno sperimentalismo splendido e avvolgente, proprio il brano Andalucía, il più bello, l’unico senza parole, col solo uso della voce, modulata in modo impressionante e toccante. Un vortice vocale che rapisce l’ascoltatore, proiettandolo all’interno di magiche dimensioni arcane, ancestrali, esoteriche (Isabel; clicca qui). Nelle varie tracce del disco si alternano grandiosità quasi sovrumane a intimismi, solitudini esistenziali a insicurezze quotidiane (Sono fragile). Un’umanità e una sensibilità femminile, direbbe Charles Baudelaire (Corrispondenze), dotata di «un’unità profonda e buia / vasta come le tenebre o la luce». E, visto che Roca Básica esce in dicembre, quale miglior regalo di Natale?

Rino Tripodi

(LucidaMente, anno IX, n. 108, dicembre 2014)

Altre recensioni di recenti uscite discografiche da parte del direttore Tripodi:
La fine della “Chimera” del XX secolo e la crisi dell’Occidente
Un disco senza “Failing”
Godblesscomputers, Johann Sebastian Punk, K-Conjog, Portfolio
Il disco imbullonato dei The Gentlemen’s Agreement
Suoni antichi, eppure nuovi… comunque freschi e morbidi
Il nuovo immaginario musicale dei Junkfood
Saluti da Saturno, ovvero l’optigan d’autore
L’avvincente viaggio musicale del signor Rossi
La seconda primavera di Simona Gretchen, Eterea e Crimea X
Sophisticated Suz
Dissonanti armonie dal XXI secolo

Altro che musica-spazzatura…

Print Friendly