Un libro per saper scrivere (Bologna, 12 ottobre 2015)

Al Pilastro, presso la Biblioteca Spina, presentazione del “Manuale pratico di Scrittura” (edito da Kimerik). Interverrà lautore Rino Tripodi, introdotto da Franco Franchi e Carmine Naldi

«Il manuale […] illustra tutte le sfaccettature che riguardano la scrittura tecnica e pratica. Come la redazione delle note o la sistemazione delle citazioni bibliografiche. L’importanza dell’incipit di un testo e delle sue conclusioni. Ma ancora tanto altro. Si affrontano i vincoli inerenti le pubblicazioni giornalistiche […]. Può essere un libro utile per gli appassionati, oltre ad essere molto interessante e completo» (cronache del Garantista).

copertina manuale di scrittura«Se è vero quel che sosteneva Edison, che, cioè, “il genio è per il 10% ispirazione e per il 90% sudorazione”, il Manuale pratico di Scrittura […] spazia offrendo consigli precisi e preziosi su come si redige una tesi di laurea, un articolo, una prova scritta a un concorso. Ma anche sulle regole di un redattore, che deve misurarsi con titoli, occhielli, catenacci, distici e via discorrendo» (prima Comunicazione). «Un’opera di grande attualità, soprattutto nell’era del web, che forse, per certi versi, ha allontanato i giovanissimi e giovani autori dell’idea che certi “mestieri” non si possono improvvisare» (il Quotidiano del Sud). «Nella marea di testi dedicati alla grammatica italiana e alle regole di redazione, alla predisposizione, all’elaborazione e alla stesura di testi, alla prima prova scritta dell’esame “di maturità” o alle tesi di laurea, per la prima volta compare un’opera unica che racchiude tutto questo all’interno di sé» (www.francoabruzzo.it).

Questi alcuni brani delle lusinghiere recensioni, a poche settimane dalla sua uscita, del Manuale pratico di Scrittura per laureandi, saggisti, giornalisti, diplomandi, partecipanti a concorsi pubblici, redattori (a cura di Rino Tripodi e di Bottega editoriale, agenzia editoriale diretta da Fulvio Mazza, Casa editrice Kimerik, Patti, 2015, pp. 280, € 15,00; pagina facebook, clicca qui; vedi anche Scrivere bene? Si può imparare). Una pubblicazione già giunta alla seconda edizione in un batter d’occhio. Lunedì 12 ottobre, i bolognesi avranno la possibilità di conoscere meglio il libro e chi l’ha scritto. Infatti, alle ore 17, il saggio verrà presentato per la prima volta a Bologna, presso la Biblioteca Luigi Spina di via Tommaso Casini 5. A introdurre l’incontro con l’autore Rino Tripodi, sarà Carmine Naldi, vicepresidente del Quartiere San Donato. A parlarne assieme a Tripodi, sarà lo studioso di fenomeni sociali Franco Franchi.

0- biblioteca spina pilastro bolognaLa pubblicazione è una nuova opera, originale e unica nel panorama editoriale italiano. Essa intende essere un valido strumento per l’ideazione, la “scaletta”, l’elaborazione e la stesura di varie tipologie di testo, dal saggio al libro di letteratura all’articolo di giornale. Particolare spazio è dedicato agli errori comuni più gravi, all’uso degli strumenti informatici di videoscrittura, all’uso della posta elettronica, ai criteri per le titolazioni, alla ricerca bibliografica (anche attraverso Internet) e all’attendibilità delle fonti, all’efficace uso del paratesto e a molto altro ancora. Soprattutto, due ampi capitoli sono dedicati alle regole di redazione, caso per caso (dall’ortografia alle note, dalle maiuscole ai nomi, dai grassetti ai corsivi, dalla punteggiatura agli accenti), e alle correzioni dei testi. Il libro è stato pensato anche per chi ogni giorno affronta l’assegnazione e la relativa lettura delle tesi di laurea scritte da studenti che spesso sono privi di adeguate conoscenze sulle nozioni relative alla redazione, all’editing e all’impaginazione editoriale (paragrafazione, note, bibliografia, ecc.)

0- BIBLIOTECA SPINA PILASTRO BOLOGNAIl testo è ideale anche per i principianti che intendano affrontare il percorso da giornalista, ma siano ancora privi delle nozioni basilari – relative pure al lessico settoriale – e delle regole essenziali per la scrittura su quotidiani, periodici, format telematici e altro. Un intero capitolo è dedicato, infatti, alla scrittura giornalistica. In esso si chiariscono le differenze che intercorrono tra un articolo di cronaca e uno di commento, le varie tipologie di articolo, le titolazioni giornalistiche, gli espedienti grafici, i parametri per scegliere lo stile più adatto e il significato di numerosi termini dell’ambito specifico (ad esempio, timone, lead, notizie calde e fredde, Spot/Developing/Continuing/Running news, cinque W, piramide invertita, catenaccio, distico, ecc.). Si offrono, inoltre, esaurienti spiegazioni su come funziona una redazione in generale.

La praticità del libro consiste pure nel fatto che esso è corredato da schemi d’immediata attuazione, da continui esempi e approfondimenti, e dotato di un particolareggiato indice generale, nonché di un indice analitico finale, che ne favoriscono la consultazione e il rapido reperimento della risposta al quesito sul quale si interroga il lettore.

Le immagini: la copertina del Manuale pratico di Scrittura e la Biblioteca Spina.

(a.c.)

(LucidaMente, anno X, n. 118, ottobre 2015)

Print Friendly