CINEMA-MUSICA|15 ottobre 2015 00:15

La misteriosa voce di armaud

Esce il 23 ottobre 2015 il disco d’esordio della formazione romana (“How to erase a plot”, per Lady Sometimes Records), nato dal progetto solista di Paola Fecarotta

Come non parlare bene di un disco i cui suoni, misteriosi, oscuri e ricercati, in alcuni brani ci hanno ricordato certe “colonne sonore” dei film del “maledetto” David Lynch? Sonorità che accompagnano intensamente la voce solista femminile. Una voce sempre “soft” e intimista, pacata, senza gli inutili strilli e/o gorgheggi oggi di moda. Insomma, un perfetto insieme minimale e atmosferico.

3-Armaud_how-to-erase-a-plot-basso[1]Sono dieci i brani che costituiscono l’esordio discografico di armaud, ovverossia il trio romano nato dal progetto solista di Paola Fecarotta, trasformatosi appunto nella formazione costituita dalla stessa (Armò era il cognome della nonna paterna della vocalist), da Marco Bonini (chitarra e drum machine) e da Federico Leo (batteria). Il titolo del disco è How to erase a plot (“Come cancellare una trama”, intesa anche come “vicenda”, “storia”, di un film, di un romanzo). A produrlo è l’etichetta Lady Sometimes Records. Un esordio artistico fondato su armonie rarefatte, tenui, soffici, che contornano la voce di Paola, che talvolta, partendo dalla spiritualità che la permea, sembra quasi faticare a fuoriuscire, a materializzarsi, a farsi sostanza e corpo. E che – nuovi rimandi, oltre a Lynch – richiama certe esperienze “periferiche” perché collocate nella lontana, magica, misteriosa, algida, fiabesca Islanda: addirittura Björk o i múm, con le due sorelle gemelle Gyða e Kristín Anna Valtýsdóttir o Hildur Gudnadòttir.

Davvero lynchiana, con la sua apparente dolcezza, soavità, leggiadria, quasi eccessiva, intrisa da un elemento inquietante che la incornicia, è il primo brano, Him. La terza traccia, che dà il titolo all’intera opera, con l’accordo ripetuto per tutto il brano, come in certe armonie della musica minimalista – Philip Glass, Steve Reich e altri geniacci, tanto per intenderci – induce alla sospensione del tempo: l’ascoltatore vi si perde, avvinto e incantato…

3-armaud[1]Avvolgente, nel suo spiraliforme e conturbante esotismo, è la settima traccia, Common Prayer: un’ambiguità sofisticata l’accompagna, facendoci provare qualche insolito brivido. Da ricordare che il secondo brano, Patterns, ha anticipato, come singolo e videoclip, l’uscita dell’intero disco. Una bella clip, nel corso della quale la noia e la routine della vita quotidiana sembrano poter esser superate grazie al sogno, alla fantasia, alla scrittura (vedi La fuga dalla realtà nell’immaginazione, secondo armaud). In conclusione, un cd dagli eleganti turbamenti musicali, da non perdere per chi ama voci e suoni provenienti da un “altrove” chiaroscurale, del quale cogliere gli anomali prodigi, le luci radenti, i brividi delle dissolvenze, le percussioni ottiche. Con un gioco di parole, potremmo affermare che, di How to erase a plot, non cancelleremo proprio nulla.

Rino Tripodi

(LucidaMente, anno X, n. 118, ottobre 2015)

Altre recensioni discografiche da parte del direttore Tripodi:
I nuovi merletti vocali di Suz
«Questo profumo dei nostri anni morti»
La musica e le immagini di Giovanni Dal Monte
La bella vita di Guido Elmi
L’opzione rock dei The Maniacs
I Pristine Moods e la magia del theremin
Il vortice vocale di Rocío Rico Romero
La fine della “Chimera” del XX secolo e la crisi dell’Occidente
Un disco senza “Failing”
Godblesscomputers, Johann Sebastian Punk, K-Conjog, Portfolio
Il disco imbullonato dei The Gentlemen’s Agreement
Suoni antichi, eppure nuovi… comunque freschi e morbidi
Il nuovo immaginario musicale dei Junkfood
Saluti da Saturno, ovvero l’optigan d’autore
L’avvincente viaggio musicale del signor Rossi
La seconda primavera di Simona Gretchen, Eterea e Crimea X
Sophisticated Suz
Dissonanti armonie dal XXI secolo

Altro che musica-spazzatura…

Print Friendly
Tag:, , ,
  • Share this post:
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • Digg