CINEMA-MUSICA|15 dicembre 2015 00:30

La musica e le parole degli Ono

In uscita oggi, 15 dicembre 2015, l’opera prima (“Salsedine”) autoprodotta di una formazione cesenate davvero interessante, dal sound e dai contenuti molto “personali”

Affermare che il brano migliore di un disco composto da ben 11 brani (tutti vocali) sia quello strumentale potrebbe apparire una provocazione o risultare offensivo nei confronti della band autrice dell’opera. Ma è proprio vero che di Salsedine, opera prima autoprodotta degli Ono (romagnoli di Cesena), ci ha davvero lasciati senza fiato Orbite, sesta traccia del cd, forse non a caso collocata lì, a metà.

5-Ono SalsedineIn effetti, anche in Orbite vi è l’inserzione di testi. Sono due brevi citazioni tratte da Il giovane Holden di Jerome David Salinger («finisce che sentite la mancanza di tutti») e dal Frankenstein o il moderno Prometeo di Mary Shelley («ogni volta che penserò all’amore penserò a te»), sussurrate, appena percettibili. Due perle che arricchiscono di cultura e delicatezza l’intero disco. E i brani coi testi originali? Gli argomenti centrali sono legati a proustiani ricordi di frammenti di vita, spesso risalenti all’infanzia: giochi in campagna, fortini, canneti, messe, feste di compleanno, odori (di erba, di fossi, di persone): «Quel che sentivo da bambino con mio padre / lo sento ancora» (Plutone). O all’adolescenza (le prime serate in discoteca). E, soprattutto, mare, tanto mare (da cui il titolo del disco; e si veda il videoclip di Perec).

A srotolare questo tappeto di emozioni, suggestioni, soffusi impressionismi, in sei tracce inedite, più cinque già presenti in un ep del 2014, sono Cesare Barbieri (voce, elettronica), Edoardo Gobbi (chitarra, synth, cori), Mattia Santoni (basso) e Lorenzo Gobbi (batteria, percussioni). La loro musica si sostanzia di coloriture punk, rock (L’infanzia e l’adolescenza di mio fratello), rap, elettroniche (la prima traccia, La musica elettronica, appunto), che spesso si fondono e si rimandano come suggestivi echi anche all’interno di ogni singolo brano.

L5-Ono Salsedinea bella voce di Barbieri a volte “rappeggia” i testi (Krauti a merenda; Il giovane Niccolò e il ritorno dell’Uguale), a volte sembra recitarli sulle musiche, con le parole a fare da sfondo (Intermezzo; Lungomare). Da sottolineare che, diversamente da quella che è ormai diventata una comprensibile normalità, i versi delle canzoni sono tutti in italiano e non in inglese. D’altra parte, gli Ono intendono farsi capire e apprezzare al primo ascolto di ogni loro composizione. Bravi. E ora li attendiamo al varco di nuove creazioni, che ci facciano ancora provare brividi elettrici sgocciolanti in scie luminose di diafane memorie lenticolari.

Rino Tripodi

(LucidaMente, anno X, n. 118, ottobre 2015)

Altre recensioni discografiche da parte del direttore Tripodi:
La misteriosa voce di Armaud
I nuovi merletti vocali di Suz
«Questo profumo dei nostri anni morti»
La musica e le immagini di Giovanni Dal Monte
La bella vita di Guido Elmi
L’opzione rock dei The Maniacs
I Pristine Moods e la magia del theremin
Il vortice vocale di Rocío Rico Romero
La fine della “Chimera” del XX secolo e la crisi dell’Occidente
Un disco senza “Failing”
Godblesscomputers, Johann Sebastian Punk, K-Conjog, Portfolio
Il disco imbullonato dei The Gentlemen’s Agreement
Suoni antichi, eppure nuovi… comunque freschi e morbidi
Il nuovo immaginario musicale dei Junkfood
Saluti da Saturno, ovvero l’optigan d’autore
L’avvincente viaggio musicale del signor Rossi
La seconda primavera di Simona Gretchen, Eterea e Crimea X
Sophisticated Suz
Dissonanti armonie dal XXI secolo

Altro che musica-spazzatura…

Print Friendly
Tag:, , , ,
  • Share this post:
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • Digg