CITAZIONI, IL LABORATORIO, LIBRI|10 maggio 2016 00:05

«Cerco un verso diverso»

Nella propria silloge “Perché non cento?”, edita da Augh!, il fiorentino Alessandro Pagani si diverte e gioca con le parole

A noi di LucidaMente piacciono i calembour e i giochi fonetici. Pertanto non potevamo lasciarci sfuggire la singolare e divertente raccolta poetica di Alessandro Pagani. Il titolo del libro è Perché non cento?, edito da Augh! (Prefazione di Vincenza Fava, pp. 116, € 9,90). La pubblicazione include novantanove poesie atipiche legate tra loro attraverso giochi di parole, calembour, rime, anagrammi, versi liberi e assonanze fonetiche. Nel complesso, una ricerca di forme di scrittura caratterizzate da guizzi romantici, concessioni goliardiche e nuovo linguaggio poetico. Del resto, Pagani è fiorentino e, pertanto, congiunge il proprio percorso underground (anche come musicista) alla dissacratoria tradizione poetica toscana. Di seguito, per gentile concessione della casa editrice, ecco quattro esempi tratti dalla iconoclastica silloge.

6-PaganiAh, lì c’è Alice!
Io mi dico maledico ma le dico:
“Lei mi celia, mia Alice,
lei mi modica e lo dice”!
Poi mi cala il di lei calice,
in quel dì di lode a Cadice:
io mi dico: “Lì c’è il docile”!
Rimettendo a posto il focile.
Ma lì c’era Lucio il trucio,
che mi fece un gran bel bucio,
e di dolo dolsi a fuga,
sul gran lido dell’acciuga.
E mi brucio per la lei.

Sarda: alice degli dei.

Io bove
Cerco un verso diverso
ma di vero so niente
io mi vesto d’inverno
estroverso vivente
voi venite e vi verso
un voler sovversivo
se mi vedi vedrai
il veder diversivo
che di versi vo a dirvi
eversivo è il Pio Bove.
Voglio viver di verde,

e del ver dirvi il dove.

6-Ale3Doman diamo c
Se al fato di doman diamo ragione
domandiamo se fatuo reagì amore
già tuo re agiato mandammo domo
mondato al mondo tra due dimore:
“Dimmi, mio re, redirmi m’ira,
ma morderommi m’arde, e m’addorme,
mira il mio derma semmai mi radei,
moro morendo, ma in moderne forme”.
Forme, for me,
per me, permesso.
Una volta che sei entrato,

non sarai più lo stesso.

Cast a man
Effimera eri
ma ferma e fiera
come cometa amica
a metà sfera:
“Amate e temete,
ciò che tremate”!
Ciocche di materia
a stelle legate,
ma te ria e bella
cadesti in odio,
e destino di Dio,
mancasti il podio.
D’oppio e man casta
si fan tua scienza,

il resto siamo noi:

(g.b.)

(LucidaMente, anno XI, n. 125, maggio 2016)

Print Friendly
Tag:, , , ,
  • Share this post:
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • Digg