Pier Bernardi, 40 minuti di sano e solido rock strumentale

Primo album solista del bassista e compositore emiliano. Ed è Re-Birth” (XY Label/Arvmusic)! Dieci brani tutti da ascoltare, che ci riportano a sonorità pulite e autentiche

Da quanto tempo non ascoltavate un album solo strumentale, ottimo e abbondante (dieci brani), per di più di quel sano e solido rock basso-chitarra-batteria, con l’aggiunta di un po’ di sintetizzatore elettronico?

Pier BernardiPer tutti i nostalgici della musica anni Settanta, peraltro attualizzata e senza alcuna tentazione rievocativa, celebrativa o residuale, ecco l’esordio del bassista e compositore emiliano (nato in quel di Sant’Ilario d’Enza, Reggio Emilia) Pier Bernardi, peraltro già noto e attivo in molteplici collaborazioni. Il titolo del disco, uscito da pochi giorni per l’etichetta XY Label/Arvmusic, è Re-Birth. Quasi un’esplicita indicazione per l’ascoltatore. La rinascita della musica più classica in campo rock, ma anche dell’itinerario interiore e artistico del compositore. Come già accennato, il lavoro si compone di dieci tracce, tutte composte dal creativo e prolifico Pier Bernardi.

Il cui duttile ed eclettico basso, maneggiato con tecnica sopraffina, viene accompagnato, in questa difficile avventura artistica, dalla chitarra di Martin Kent “Ace”, dalle percussioni di Michael Urbano e dal sintetizzatore analogico di Giovanni Amighetti. In Grace, con annesso suggestivo videoclip, abbiamo addirittura la partecipazione delle chitarre di David Rhodes-Peter Gabriel (inatteso cameo) e di Roger Ludvigsen, nonché della batteria di Paolo Vinaccia. E, in effetti, Grace è uno dei più bei brani del cd. Una composizione preziosa e misticheggiante.

3-pier bernardi (2)Tuttavia, Pier Bernardi spazia da tracce più delicate a componimenti più duri e decisi, come Bus Your Hand o I’m ready now. Da malinconie laceranti a gioie talvolta festose. In ambedue i casi, egli tende alla ripetizione talentuosa di alcuni temi musicali. Qua e là accenni al progressive o al jazz-rock. Consigliamo l’ascoltatore di lasciarsi andare al succedersi delle composizioni di Re-Birth, alla loro varietà, alle modulazioni degli strumenti e degli accordi, quasi sempre inaspettati. Per compiere un viaggio a occhi aperti (o chiusi?) tra paesaggi veri o ideali e riflessioni dell’anima, tra presenze femminile e amicizie virili, tra amori e ricordi. E inoltrarsi lungo lussureggianti panorami sonori, tappeti intessuti da limpide brillantezze ed equilibrate commistioni di forme.

Rino Tripodi

(LucidaMente, anno XII, n. 135, marzo 2017)

Recensioni discografiche del direttore Tripodi:
Pier Bernardi, 40 minuti di sano e solido rock strumentale
Giuliano Vozella incontra la vita
Giovanni Dal Monte lo rifà ancora
Quattro segnali musicali da Angela Kinczly
Il viaggio cosmico di Nevica su Quattropuntozero
Il limpido jazz di Tiziano Bianchi
Junkfood & Enrico Gabrielli: film, colonne sonore, jazz
Baba Sissoko, Nicodemo, Lilies on Mars: la fusione di tre ispirazioni musicali
Collettivo Ginsberg: canzone d’autore, alta poesia dialettale e voglia di ballare
Le cover secondo Stella Burns
Il jazz ben temp(e)rato di Evan
Le armoniose schegge musicali dei Dropp
Pin Cushion Queen: il canto come melodia
Manuel Volpe intimo e visionario
La versatilità musicale di Capvto
La magia elettronica dei Torakiki
La forza della voce di DonnaKatya, la musica dei The SuperFeed
Piccola orchestra Vale & The Varlet
La musica e le parole degli Ono
La misteriosa voce di Armaud
I nuovi merletti vocali di Suz
«Questo profumo dei nostri anni morti»
La musica e le immagini di Giovanni Dal Monte
La bella vita di Guido Elmi
L’opzione rock dei The Maniacs
I Pristine Moods e la magia del theremin
Il vortice vocale di Rocío Rico Romero
La fine della “Chimera” del XX secolo e la crisi dell’Occidente
Un disco senza “Failing”
Godblesscomputers, Johann Sebastian Punk, K-Conjog, Portfolio
Il disco imbullonato dei The Gentlemen’s Agreement
Suoni antichi, eppure nuovi… comunque freschi e morbidi
Il nuovo immaginario musicale dei Junkfood
Saluti da Saturno, ovvero l’optigan d’autore
L’avvincente viaggio musicale del signor Rossi
La seconda primavera di Simona Gretchen, Eterea e Crimea X
Sophisticated Suz
Dissonanti armonie dal XXI secolo

Altro che musica-spazzatura…

Print Friendly
Tag:, , , , , ,
  • Share this post:
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • Digg