Donne in carriera a Bologna: il 66,5% svolge un’attività lavorativa

La situazione del mercato del lavoro femminile in Italia e l’opportunità di part time e web

Un’Italia poco “rosa”, almeno dal punto di vista lavorativo: nel nostro Paese sono infatti poche le donne occupate. D’altronde, non sempre è facile, soprattutto per le donne che hanno famiglia, riuscire a gestire la casa e gli impegni connessi ai figli, coniugandoli con un’attività professionale. Eppure esistono delle soluzioni a questo problema, e anche una serie di lavori dove le donne riescono a spiccare più degli uomini, ottenendo puredegli stipendi ben superiori alla media. Ma la qualità non basta: se vogliamo raggiungere gli altri paesi europei in termini di occupazione femminile, sarà la quantità a dover fare la differenza.

3-lavoro-donne-computer Donne in Italia: la situazione del mercato del lavoro

L’Italia appare spaccata in due, anche per quanto concerne il mercato occupazionale: stando ai dati diffusi dall’Osservatorio Statistico dei Consulenti del Lavoro, il Nord e il Sud appaiono lontani anni luce, con una forbice che – purtroppo – finisce ancora una volta per sfavorire il Meridione. Il dato più alto in merito all’occupazione rosa viene registrato a Bologna, prima in classifica con un tasso di occupazione femminile pari al 66,5%; all’opposto, invece, troviamo Barletta con un tasso occupazionale rosa del 24,1%. Male anche Agrigento (25,9%), Foggia (25,6%) e Napoli, con un tasso pari al 25,5%. La situazione necessita dunque di un approfondimento, soprattutto per quanto riguarda i motivi e gli ostacoli che impediscono alle donne di impiegarsi.

Occupazione femminile: donne divise fra lavoro e famiglia

Nel mercato del lavoro pare proprio che non esistano vie di mezzo, soprattutto per quanto concerne l’occupazione femminile in Italia. Le donne che non lavorano spesso non riescono a trovare un’occupazione per via dell’impossibilità di conciliare lavoro e famiglia. Alle volte, poi, la famiglia finisce per impegnare il 100% del tempo e delle energie a disposizione delle mamme, che non riescono nemmeno a immaginare un futuro fatto di occupazione, dato che la gestione dei figli diventa un vero e proprio lavoro a tempo pieno. Eppure una soluzione c’è, e si chiama lavoro part time: grazie a siti web come it.jobrapido.com, trovare diverse offerte di lavoro a Bologna con questa tipologia di contratto – o con altre – è tutto fuorché una missione impossibile.

3-mondo-rete-internetDonne che guadagnano più degli uomini: i lavori rosa

Nonostante tutto, il mercato del lavoro femminile offre delle chance che alle volte si dimostrano migliori per le donne che per gli uomini: esistono infatti delle professioni in cui le donne percepiscono uno stipendio superiore alla media maschile; come, ad esempio, posizioni di prestigio come la responsabile del personale, la dietologa, la fisioterapista o l’operatore tecnico-sanitario. A queste professioni si aggiungono poi alcuni lavori artigianali, quali la panettiera. Infine, in questo elenco finiscono anche occupazioni come la cameriera, la barista e ovviamente la make up artist.

(l.m.)

(LM MAGAZINE n. 30, 19 maggio 2017, Speciale Moda e viaggi, supplemento a LucidaMente, anno XII, n. 137, maggio 2017)

Print Friendly