CINEMA-MUSICA, RECENSIONI|19 ottobre 2017 13:40

Godblesscomputers, tanti “Solchi” avvolgenti

Terzo disco per Lorenzo Nada, con ben 16 tracce morbidamente sofisticate

Non ci eravamo persi i primi due lavori di Godblesscomputers, alias Lorenzo Nada, e li avevamo puntualmente segnalati su LucidaMente. Sia Veleno (2014, etichette Fresh Yo! Label e White Forest) sia Plush And Safe (2015, La Tempesta International/Fresh Yo!).

1-godblesscomputers-solchiOra il sempre più creativo musicista ravennate attivo a Bologna, ancora per le etichette La Tempesta International/Fresh Yo!, si cimenta in Solchi, uscito a inizio settembre 2017. Titolo connotativo. Infatti, può far riferimento ai misteriosi quanto magici solchi dei dischi di vinile, oggi tornati prepotentemente di moda. Oppure a solchi tracciati nel terreno, in maniera più o meno profonda, per gettarvi un seme dal quale nascerà una nuova vita. O, ancora, a ciò che ci fa essere quello che siamo oggi, dalle suggestioni del passato ai ricordi, dai piaceri trascorsi ai traumi subiti. Nascono così, ben 16 tracce – ecco un altro termine suggestivo ‒ quasi tutte tra i tre e i quattro minuti, per circa un’ora di ottimo ascolto.

La ricchezza di generi e musiche, di ritmi e melodie, sempre accomunati dalla cura e dalla pulizia delle sonorità, rappresenta una sorta di summa dell’autore. Groove, elettronica avvolgente, jazz, campionature, voci sottili e sfumate. Per pervenire al proprio obiettivo Nada si è circondato di una moltitudine di musicisti e collaborazioni anche vocali, maschili e femminili.

1-godblesscomputersIl risultato è un impasto vario di musiche dal mondo, ma sempre morbido, sofisticato, delizioso. Le composizioni si susseguono le une alle altre e, pur nella loro diversità, appaiono unitarie, senza soluzione di continuità. Se dovessimo scegliere qualche brano, vi indirizzeremmo verso quelli più eterei e incorporei, luminescenze che si agitano flessuosamente nel cielo come aurore boreali: l’incipit Brothers, ad esempio. O il puntillista Glue. O 1989, la traccia più breve, poco più di un minuto: un ricordo d’infanzia, forse irreale. O l’impalpabile e “acquatico” Disquietude. O l’arcano Freddo, che chiude degnamente i Solchi di Godblesscomputers.

Rino Tripodi

(LucidaMente, anno XII, n. 142, ottobre 2017)

Recensioni discografiche del direttore Tripodi:
Godblesscomputers, tanti “Solchi” avvolgenti
Claudio Lolli e la ricomparsa delle sue ombre
Pier Bernardi, 40 minuti di sano e solido rock strumentale
Giuliano Vozella incontra la vita
Giovanni Dal Monte lo rifà ancora
Quattro segnali musicali da Angela Kinczly
Il viaggio cosmico di Nevica su Quattropuntozero
Il limpido jazz di Tiziano Bianchi
Junkfood & Enrico Gabrielli: film, colonne sonore, jazz
Baba Sissoko, Nicodemo, Lilies on Mars: la fusione di tre ispirazioni musicali
Collettivo Ginsberg: canzone d’autore, alta poesia dialettale e voglia di ballare
Le cover secondo Stella Burns
Il jazz ben temp(e)rato di Evan
Le armoniose schegge musicali dei Dropp
Pin Cushion Queen: il canto come melodia
Manuel Volpe intimo e visionario
La versatilità musicale di Capvto
La magia elettronica dei Torakiki
La forza della voce di DonnaKatya, la musica dei The SuperFeed
Piccola orchestra Vale & The Varlet
La musica e le parole degli Ono
La misteriosa voce di Armaud
I nuovi merletti vocali di Suz
«Questo profumo dei nostri anni morti»
La musica e le immagini di Giovanni Dal Monte
La bella vita di Guido Elmi
L’opzione rock dei The Maniacs
I Pristine Moods e la magia del theremin
Il vortice vocale di Rocío Rico Romero
La fine della “Chimera” del XX secolo e la crisi dell’Occidente
Un disco senza “Failing”
Godblesscomputers, Johann Sebastian Punk, K-Conjog, Portfolio
Il disco imbullonato dei The Gentlemen’s Agreement
Suoni antichi, eppure nuovi… comunque freschi e morbidi
Il nuovo immaginario musicale dei Junkfood
Saluti da Saturno, ovvero l’optigan d’autore
L’avvincente viaggio musicale del signor Rossi
La seconda primavera di Simona Gretchen, Eterea e Crimea X
Sophisticated Suz
Dissonanti armonie dal XXI secolo

Altro che musica-spazzatura…

Print Friendly