Sesso e potere, uomo e donna

I cambiamenti avvenuti nell’ultimo mezzo secolo hanno nettamente mutato i vecchi ruoli maschio-femmina. Ma come? E cosa accadrà in futuro?

Cinquant’anni anni fa in Italia vigeva ancora la legge sul “delitto d’onore”. C’era una legge che colpiva la donna rea di adulterio; in sintesi, la donna era considerata persona soggetta al potere maschile. La vita era regolata sulla sessualità maschile. Una società e una cultura di quel genere non potevano che portare a una forte reazione. Il Sessantotto fu l’occasione giusta per reagire: ricordiamo lo slogan “È mia e me la gestisco io”. Da quel periodo, molte cose sono cambiate. Cerchiamo di ragionare su come e perché.

20-sesso-erotismoL’aspetto più evidente che possiamo rilevare, nel corso degli anni, è il ribaltamento della percezione del desiderio sessuale maschile. Quest’ultimo è stato via via ridicolizzato, considerato una pulsione perversa, non dignitoso, politicamente scorretto, incivile, da depravati (salvo spettacolarizzarlo nei vari canali mediatici); sempre più, fino a oggi che lo vediamo diventare pressoché fuori legge, da sanzionare con provvedimenti coercitivi. Proviamo a capire come mai si sia verificato questo ribaltamento. Partiamo dal considerare che il desiderio sessuale femminile è di molto inferiore a quello maschile. Fatto naturale, ancorché incontrovertibile. Per l’uomo l’orgasmo è una “piccola morte”, come dicono i francesi. L’uomo è pacificato dall’orgasmo, infatti spesso si addormenta subito dopo averlo ottenuto.

Per la donna non è affatto così. Ha difficoltà a raggiungerlo e, quando lo raggiunge, lo assorbe come fosse un bicchier d’acqua e un attimo dopo, lungi dall’essere pacificata, la mente riprende a farsi le infinite domande: “Sarà il mio tipo?”; “Lo amo?”; “Ho fatto bene a concedermi?”; “Mi amerà per sempre?”. Domande fondamentali per la vita della donna, ben più di un passeggero momento di piacere. Mentre, dall’altra parte, per l’uomo è della massima importanza il funzionamento idraulico del proprio apparato genitale; tutto il resto è secondario. Ecco, allora, il motivo del ribaltamento. Oggi la donna, uscendo dallo stato di subalternità e acquistando sempre più potere, impone la propria impronta biologica.

20-sesso-sado-masoRicordiamo il caso emblematico di Christine Lagarde e di come, per mezzo di una messa in scena a sfondo sessuale, sia divenuta presidente del Fondo monetario internazionale ai danni del ricercatore di orgasmi di nome Dominique Strauss-Kahn. L’uomo ha sempre cercato il potere e il denaro. Certo, ma il potere e il denaro sono sempre serviti all’uomo per assicurarsi l’orgasmo quotidiano mediante il quale sentirsi pacificato con la vita. Uomini politici, calciatori, imprenditori e artisti hanno compiuto la loro faticosa scalata sociale anche per quel motivo. La donna, fino a ieri, ha cercato per altre, misteriose, vie una impossibile pacificazione per la propria vita. Ed è proprio questo che l’ha resa ricca di fascino e oggetto, nei secoli, di venerazione poetica.

Nel mondo occidentale odierno la donna cerca (legittimamente) il potere e il denaro al pari dell’uomo, ma, al contrario dell’uomo, per fini differenti, che alla elementare e lineare mente maschile non è dato conoscere (e che forse non sono chiari neppure alla stessa complicata mente femminile). Si tratta di cinico potere per il potere? Si tratta di volontà di riscatto e vendetta nei confronti dell’uomo? Si tratta di potere da indirizzare a fin di bene per migliorare il mondo? Forse tutto questo insieme. Il tempo, probabilmente, fornirà una qualche (parziale) risposta.

Lucilio Santoni

(LucidaMente, anno XIII, n. 145, gennaio 2018)

Print Friendly
Tag:, , , , ,
  • Share this post:
  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • Digg