DALL'EMILIA-ROMAGNA, RECENSIONI|1 agosto 2018 00:50

Com’è stressante la vita per la donna del nostro tempo!

Nel proprio romanzo breve “L’Alba di un nuovo domani” (autoprodotto presso Amazon) la scrittrice bolognese Emanuela Susmel tocca con sensibilità e ritmo narrativo alcune tematiche della società odierna

Impegnativo lavoro presso uno studio professionale, famiglia, figli, marito, chiamate al cellulare mentre si guida, traffico cittadino, vizio del fumo e dei social… stress, stress, stress. È la vita che, chi più, chi meno, facciamo tutti, direte voi.

susmelA parte che ci sarebbe molto da discutere sulla dignità e l’equità di un’esistenza così, cosa accade se essa è condotta da una donna cui, per di più, capita un grave imprevisto, anzi due? Pur senza voler rivelare nulla dei fatti narrati, è questo l’argomento del romanzo breve L’Alba di un nuovo domani (Prefazione di Francesca Ancidei, autoprodotto presso Amazon, pp. 78, € 7,00) della bolognese Emanuela Susmel, collaboratrice fissa di LucidaMente e già autrice di Un sogno chiamato Vittoria. Evidentemente, alla scrittrice piace inserire nei titoli delle sue opere i nomi delle protagoniste delle vicende narrate, per di più con una valenza emblematica (vittoria, alba…). Questo suo nuovo lavoro è composto da sedici fulminei, avvincenti capitoli, più un Prologo e un Epilogo. Il fiato del lettore resta sospeso alla fine di ogni capitoletto, col desiderio di sapere come proseguirà la vicenda.

Ed è appunto il ritmo una delle caratteristiche del romanzo, un ritmo davvero incalzante nelle parti del volume che raccontano le frenesie della vita quotidiana, e che, invece, diventa più sospeso in altre parti, fino a divenire lento e soffuso di sentimenti, col recupero di una più umana dimensione del tempo. Scrive saggiamente la Susmel: «Il tempo che scorre è una continua ricerca di equilibri personali e familiari; a giorni faticosa; a giorni appagante. Al chiarore del dì che sta sorgendo, una nuova consapevolezza si sta facendo largo […]: ogni momento è diverso da quello precedente e da quello che verrà».

susmel-2Il messaggio più pregnante del libro, infatti, è l’invito alla rinascita, a ri-valorizzare la vita e noi stessi. Afferma ancora la scrittrice: «Riflettiamo su ciò che di sbagliato ci dimora dentro; senza esclusione di colpe; senza aver paura di nasconderci nulla. Facciamo esplodere ciò che è rimasto imploso in noi da troppo tempo ormai; trasformiamo in buono ciò che finora è stato cattivo. Facciamolo senza falsità». Un’ultima annotazione sulla qualità dell’impaginazione sulla grafica del volumetto: ottima, specie considerando che si tratta di un’autoproduzione. E, soprattutto, un libro ben scritto, caratterizzato da uno stile chiaro ed efficace.

Rino Tripodi

(LucidaMente, anno XIII, n. 152, agosto 2018)

Print Friendly