INTERVENTI|18 luglio 2011 23:56

Maurizio Cecconi e Cinzia Gori: Una legge crudele, che impone sofferenze ai citadini

I portavoce del Coordinamento laico nazionale, in merito all’approvazione del ddl Calabrò alla Camera dei Deputati

Manifestazione a Roma del Cln

Le associazioni aderenti al Coordinamento laico nazionale sono portatrici di diverse opzioni filosofiche, esistenziali e confessionali, eppure unite dai seguenti principi: difendere e rispettare l’autodeterminazione terapeutica, diritto soggettivo e perfetto; difendere la laicità delle Istituzioni, con la consapevolezza che è questa la premessa ineludibile per il rispetto di tutte le molteplici diversità presenti nella società italiana.

Fermo restando che tutti hanno diritto alle cure e all’assistenza, l’articolo 32 della Costituzione riconosce ad ogni singola persona il diritto di non curarsi, anche se tale condotta può esporla al rischio della morte.

La volontà espressa dalla persona, doverosamente informata, è il presupposto della stessa liceità del trattamento sanitario, che per sua natura ricomprende anche l’alimentazione e l’idratazione forzata, in quanto presuppone l’intervento di sanitari e della somministrazione di farmaci. Se alcune cautele sono ovviamente necessarie, esse attengono unicamente alla verifica della reale volontà della persona (testamento biologico) e alle garanzie che essa sia attuata. Il consenso espresso dall’individuo è infatti l’unico presupposto per la liceità dell’attività del medico, al quale non è riconosciuto un generico diritto di curare a prescindere dalla volontà dell’ammalato.

Se il diritto all’autodeterminazione terapeutica viene riconosciuto in maniera indiscutibile a chi è in grado di intendere e di volere, negarlo a chi ha perso queste capacità significa disconoscere il suo essere “una persona”. Significa negare la condizione di individuo a coloro che hanno perso le capacità intellettive e volitive. Significa spogliarli dei loro diritti, calpestare la loro dignità e disconoscere la Dichiarazione universale dei diritti umani.

Il solo pensiero che la violenza di un trattamento sanitario possa essere imposto a una persona anche in presenza d’una esplicita volontà contraria dovrebbe giustamente spaventarci da un lato e, dall’altro, stimolarci alla ribellione civile. E senza dubbio questa violenza va definita come inutile e crudele.

Per questi motivi con fermezza diciamo no al ddl Calabrò, con la consapevolezza che la vita del diritto e il diritto a una vita e a un fine-vita autodeterminato s’intrecciano indissolubilmente.

Maurizio Cecconi e Cinzia Gori (portavoce del Coordinamento laico nazionale)

E-Mail: coordinamento.laico.nazionale@gmail.com

Sito: http://bit.ly/laicita

Facebook: http://on.fb.me/hOmnve

Twitter: http://twitter.com//cln_italia

(LucidaMente, 18 luglio 2011)

Print Friendly